Cosa ci aspetta per l'Afghanistan?

Anju Gupta scrive: Nessuno, nemmeno i talebani, sa tutto o ha la capacità di guidare gli eventi futuri.

Tutte le parti interessate hanno spesso ripetuto che l'ANDSF avrebbe dovuto affrontare i talebani, ma non è riuscito a farlo.

Dalla caduta di Kabul poco più di due settimane fa, il tanto atteso crollo delle Forze di difesa e sicurezza nazionali afgane (ANDSF), un presidente semideterminato Ashraf Ghani in fuga dal paese, i più potenti talebani che entrano a Kabul e il Panjshir molto più deboli che hanno resistito hanno dominato la narrativa sull'Afghanistan. Tra eventi tragici, rimangono diversi enigmi. Detengono la chiave per una corretta valutazione delle minacce che l'Afghanistan, la regione e il mondo potrebbero affrontare nel prossimo decennio.

Tutte le parti interessate hanno spesso ripetuto che l'ANDSF avrebbe dovuto affrontare i talebani, ma non è riuscito a farlo. Sotto un governo eletto, con finanziamenti fino al 2024 e garanzia di addestramento e manutenzione off-shore, supporto oltre l'orizzonte dal Comando centrale degli Stati Uniti per obiettivi comuni antiterrorismo, assistenza diplomatica e umanitaria e sicurezza dell'aeroporto di Kabul da parte delle forze turche , l'ANDSF si è comportato professionalmente fino all'inizio di agosto. È ampiamente noto ora che la tacita valutazione occidentale era che, nonostante tutto il sostegno, l'ANDSF avrebbe potuto resistere per uno o due anni.

Il serio reclutamento e addestramento dell'ANDSF da parte degli Stati Uniti-NATO è iniziato intorno al 2009, quando gli Stati Uniti hanno avviato un'ondata di truppe per invertire lo slancio dei talebani e dare tempo e spazio all'ANDSF per crescere. Secondo il revisore statunitense SIGAR, il 1° gennaio 2015, le responsabilità totali della sicurezza sono state trasferite al giovane gruppo di sicurezza, che contava 3.000.000 di soldati. Da allora, l'ANDSF è stato in prima linea nel conflitto, subendo pesanti perdite.



Fino alla firma dell'accordo di Doha, l'ANDSF ha impedito la caduta dei capoluoghi di provincia e dei valichi di frontiera, ha impedito ai talebani di assumere il controllo permanente delle autostrade, ha mantenuto il controllo su più di 250 centri distrettuali - anche se alcuni distretti sono passati di mano - e non ha permesso I delegati dell'ISIS o del Pakistan come ISKP o AQIS per aumentare la loro presenza in Afghanistan. L'organizzazione ha affrontato sfide complesse nella gestione delle funzioni di polizia, nella salvaguardia dei confini, nella protezione delle persone e nella lotta alle insurrezioni sostenute dal Pakistan. Il terreno in Afghanistan non consentiva posti permanenti e pattuglie in molte parti. Tali aree divennero i bastioni dei talebani. Poiché l'ANDSF dipendeva da fondi stranieri, le costrizioni finanziarie potrebbero aver impedito la mobilitazione delle truppe per sconfiggere i talebani in diversi punti. Le parti interessate, quindi, hanno deciso che una soluzione politica negoziata era l'unico modo per porre fine all'insurrezione.

L'accordo di Doha ha ignorato il fatto che le forze straniere e l'ANDSF si erano alleate con successo, costringendo i talebani ai colloqui di pace - questo ha implicitamente permesso al Pakistan di prendersi tutto il merito. L'accordo ha negoziato un accordo per non attaccare le forze straniere, lasciando ai talebani più risorse per affrontare l'ANDSF. La demoralizzazione dell'ANDSF è iniziata da questo punto. Dopo Doha, l'ANDSF ei civili hanno dovuto affrontare livelli di violenza molto elevati. La riduzione delle forze straniere da gennaio di quest'anno ha ulteriormente demoralizzato l'ANDSF, dando ai talebani un incentivo a non negoziare affatto con il governo afghano.

Il cambio di regime negli Stati Uniti aveva fatto sperare che il drawdown potesse rallentare o invertire per aiutare l'ANDSF a spingere i talebani a negoziare a condizioni ragionevoli. Tuttavia, l'annuncio del 16 aprile del ritiro completo entro settembre ha dato un impulso ai talebani. Secondo SIGAR, a fine giugno erano rimasti meno di 1.000 dipendenti stranieri. Migliaia di appaltatori erano spariti, disabilitando gravemente l'aviazione afgana e mettendo a repentaglio il trasporto delle forze speciali in prima linea - che detenevano la chiave per sconfiggere i talebani - attraverso l'Afghanistan.

Tuttavia, tra il 16 aprile e il 2 luglio, l'ANDSF ha assicurato che i centri provinciali non fossero invasi e che i valichi di frontiera fossero sicuri. Il ritiro da Bagram il 2 luglio ha inviato il segnale finale che l'ANDSF era da solo. L'alleanza pachistana-talebana iniziò un'occupazione forzata di valichi di frontiera, autostrade e capoluoghi di provincia. In particolare, anche a luglio, l'ANDSF ha dimostrato il suo coraggio respingendo i talebani nelle principali capitali di Lashkargah e Kandahar.

Tuttavia, tra il 6 e il 15 agosto, tutti i capoluoghi di provincia caddero senza molti combattimenti. L'ANDSF ha percepito che le manovre politiche stavano superando le valutazioni professionali e che il suo stesso governo era impotente a influenzare gli attori esterni? Le immagini del Mullah Baradar come ospite di stato a Doha e altrove nella regione segnalano la mancanza di un reale coinvolgimento dell'Afghanistan nel decidere il proprio futuro. L'ANDSF doveva essere perfettamente consapevole che la punizione era una realtà, se i talebani si fossero uniti a un governo ad interim o ne avessero formato uno. L'agenzia sentiva che il suo sostegno politico, morale e funzionale era diventato solo fittizio? Non c'era l'Alleanza del Nord, né alcun paese significativo offriva aiuto.

Il 14 agosto molte ambasciate hanno avviato le evacuazioni d'emergenza e il giorno dopo i talebani sono alle porte di Kabul. Sembravano ugualmente impreparati, incapaci di gestire anche il traffico o la folla. Sembra che, sebbene impotenti, i vertici afghani che supervisionano direttamente l'ANDSF – e l'ANDSF stesso – abbiano potuto vedere la scritta sul muro e si siano allontanati dal pericolo in tempo.

La narrativa a favore del ritiro secondo cui la regione era un libero beneficiario della sicurezza fornita dagli Stati Uniti e dalla NATO aveva preso piede. La narrativa era così forte da ignorare la potenziale inversione dei guadagni ottenuti in 20 anni? Oppure la competizione tra le grandi potenze con Cina e Russia ha ribaltato l'equilibrio con l'aspettativa che queste potenze dovranno essere risucchiate in Afghanistan?

Gli eventi recenti hanno sollevato molti di questi enigmi. L'Afghanistan non diventerà opaco al mondo il giorno in cui le evacuazioni saranno terminate? Con internet, aeroporto e confini chiusi, l'unico accesso all'Afghanistan sarà attraverso i talebani. Russia-Cina o Occidente prenderanno in considerazione il sostegno ai movimenti di resistenza per tenere sotto controllo i talebani? L'ANDSF entrerà a far parte di questa resistenza?

Le grandi potenze faranno affidamento sui talebani – un'entità priva di competenze professionali e che deve dimostrare le proprie intenzioni – per le operazioni antiterrorismo? Possono le grandi potenze permettersi di dare legittimità e aiuti ai talebani e garantire che i fondi non vengano utilizzati dagli estremisti? Riusciranno i talebani a dimostrare l'assenza di corruzione nei rapporti con i cittadini, parametro chiave per gli aiuti occidentali?

Il Pakistan sarà a suo agio con un pashtun Amir-ul-Momineen in Afghanistan che guadagna terreno nella sua cintura tribale? Il Pakistan consentirà a tutti i principali leader talebani, come Qayyum Zakir e Maulvi Kabir, di trasferire le loro famiglie e i loro beni in Afghanistan e perdere il pieno controllo?

È probabile che molto altro emergerà da questo enigma nelle prossime settimane e nei prossimi mesi. Non esiste un singolo attore, compresi i talebani, che sappia tutto o possa guidare gli eventi a venire. Ciò significa che la caduta dell'Afghanistan è di cattivo auspicio per i paesi molto al di fuori della regione.

Questa colonna è apparsa per la prima volta nell'edizione cartacea il 31 agosto 2021 con il titolo 'Il grande sconosciuto a Kabul'. Lo scrittore è un ufficiale dell'IPS. Le opinioni sono personali