Cosa significa oggi una vittoria elettorale in India?

Le elezioni sono sempre più viste come referendum su politiche e ideologie. Non è così semplice.

Nelle ultime settimane si è sviluppata una devastante crisi sanitaria, almeno in parte il risultato di un governo mal preparato e inetto. (Illustrazione: C R Sasikumar)

Nel marzo 2017, quando l'economia nazionale si stava ancora riprendendo dagli effetti della demonetizzazione, il BJP ha spazzato via le elezioni dell'assemblea dell'Uttar Pradesh. Quel sondaggio è stato visto come un referendum su quella che sembrava essere una politica fallimentare: la brusca cancellazione di quasi nove decimi della moneta a corso legale dell'India non ha raggiunto nessuno dei suoi presunti obiettivi, che andavano dalla fine del terrorismo e della criminalità, alla distruzione del denaro nero e alla formalizzazione e digitalizzare l'economia (i contanti, nell'attuale panico indotto dalla pandemia, sono tornati con il botto). Sia per il partito vincitore che per i suoi detrattori, la vittoria elettorale ha significato la fine dell'azione politica, persino del dibattito, intorno alla questione. Per il BJP è stato un clamoroso sostegno alla politica e al Primo Ministro; per altri, la gente aveva fatto la scelta sbagliata, era diventata irreversibilmente hindutvaizzata. Domenica, con l'arrivo dei risultati elettorali di quattro stati e di Puducherry, c'è il pericolo che gli errori del 2017 si ripetano; che una vittoria o una sconfitta elettorale per il BJP, specialmente nel Bengala occidentale, potrebbe essere vista come un'approvazione della sua gestione della pandemia o un completo atto d'accusa nei confronti della politica dell'Hindutva.

Nelle ultime settimane si è sviluppata una devastante crisi sanitaria, almeno in parte il risultato di un governo mal preparato e inetto. Sui social media e sui gruppi WhatsApp, la rabbia per la perdita dei propri cari, per le immagini che mostrano quanto la vita umana e la dignità possano essere a buon mercato in questo paese, è palpabile. La risposta politica e governativa alla pandemia, sin dal suo inizio, ha seguito un copione che conosciamo fin troppo bene dall'esercizio di demonetizzazione. Il blocco dell'ultimo minuto lo scorso marzo; il panico e la successiva morte e sofferenza subiti dai lavoratori migranti erano entrambi evitabili. Le uniche giustificazioni per il dolore causato dalla guerra al virus in stile Mahabharata erano che avrebbe spezzato la catena (non lo ha fatto, chiaramente) e che l'India avrebbe usato la tregua dal virus per costruire la sua infrastruttura medica. Eppure, se le ultime settimane sono qualcosa da fare, quel tempo è stato sprecato. E mentre le persone stanno morendo, senza fiato, un ministro dell'Unione ha definito la necessità di ossigeno un problema sul lato della domanda e l'avvocato del Centro ha detto al governo di Delhi nell'Alta Corte di non essere un bambino che piange. E mentre la carenza di vaccini sembra essere un vero problema, il governo si vanta di quanti SMS ha inviato a coloro che si sono registrati sull'app CoWin nella speranza di uno scatto. I tweet critici nei confronti del governo sono stati rimossi, ad altri è stato detto di non politicizzare la questione quando chiedono responsabilità.

La politica indiana è a un precipizio. Se cadiamo, la capacità di governare potrebbe non avere alcuna incidenza su chi vince le elezioni.



Prima che la democrazia diventasse la forma di governo più ampiamente accettata, specialmente dopo l'ondata di decolonizzazione del secondo dopoguerra, la legittimità politica era una cosa molto più complessa da determinare. Veniva dagli dei, attraverso re divinamente ordinati, forza bruta e patti tra élite ereditarie. Ora, però, le cose sono molto più semplici. Almeno 160 dei 195 Stati sovrani si dichiarano democratici; i loro governi derivano il diritto di governare in ultima analisi attraverso la volontà del popolo. L'accettazione quasi universale delle elezioni come prerequisito fondamentale per governare uno stato-nazione deriva in gran parte dal successo dell'India in questo senso. Nel 1947, e per alcuni decenni dopo, molti in tutto il mondo pensavano che una nazione povera e diversificata con la ferita aperta della spartizione inflittale al momento della sua nascita non sarebbe sopravvissuta al caos delle elezioni periodiche. Abbiamo dimostrato che si sbagliavano. E se potessimo essere democratici, qualsiasi paese potrebbe farlo.

Nel 2014, e in modo più marcato nel 2019, l'India ha votato a maggioranza a partito unico con un forte impegno ideologico. In poche parole, la differenza tra un normale partito di massa e uno guidato dall'ideologia è questa: per quest'ultimo, le persone devono essere cambiate per adattarsi a una visione della società; la politica non risponde nella sua essenza alle esigenze del popolo. La vittoria delle elezioni generali del 2019, ad esempio, ha aperto la strada allo smantellamento di alcuni dei principi fondamentali della moralità politica indiana: federalismo (abrogazione dell'articolo 370 e ora LG che sostituisce il governo eletto a Delhi) e laicità (una seduta il premier inaugura un tempio sul luogo di una demolizione criminale e la Caa sancisce per legge un'idea di accesso differenziato ai diritti di cittadinanza in base alla religione), per citarne solo due.

La domanda, quindi, è questa: l'ossessione per le elezioni sta davvero minando la democrazia indiana? È vero, come ha fatto notare Platone molto tempo fa, che coloro che sono più in grado di acquisire potere sono i meno adatti a esercitarlo?

È importante ricordare che ogni vittoria elettorale non segna un cambiamento ideologico nel popolo. Il BJP è certamente bravo a vincere le elezioni. Ed esercita divisioni come un pugile. Ma un voto per il partito zafferano non è necessariamente un voto contro le minoranze. Molti indiani votano per il cambiamento fine a se stesso o preferiscono andare con il vincitore percepito. Tuttavia, questo non li rende un paniere di deplorevoli. O fedelissimi al Sangh Parivar per tutta la vita. Né una perdita per il BJP, per esempio, nel Bengala o nell'Assam, significa che un'ondata di laicismo nehruviano abbia travolto l'India orientale.

Ciò che è preoccupante, tuttavia, è che il partito al governo considera una vittoria elettorale - supera la maggior parte dei suoi avversari politici - come una clamorosa approvazione per le sue peggiori decisioni. Anche l'opposizione sembra limitare la sua azione politica all'elettoralismo. Con il Parlamento che funziona a malapena come forum per il dibattito e la responsabilità, ciò ha significato, essenzialmente, che il partito al governo e i suoi leader non devono affrontare conseguenze, nemmeno per negligenza criminale.

La democrazia indiana, nella sua essenza e nelle sue origini, non è la voce di una folla che si esprime nelle elezioni periodiche. Deve essere la volontà del pubblico. E mentre i pubblici sono consapevoli di sé e ragionevoli, le folle sono guidate dall'esterno, piegandosi alle manipolazioni frenetiche di grandi leader che sono spesso piuttosto meschini. Ciò che impedisce al pubblico di trasformarsi in una folla sono le altre istituzioni della democrazia: le commissioni elettorali intese a garantire parità di condizioni; una magistratura imparziale e giusta; un media che arricchisce il discorso pubblico e interroga chi è al potere. E mentre ognuna di queste istituzioni ha fallito in una certa misura, piegata alla pressione, si spera che nessuna di esse si sia rotta. Se lo hanno fatto, le elezioni potrebbero aprire la strada affinché l'India diventi una democrazia incostituzionale, in opposizione ai valori e alle strutture che proteggono gli indiani. E l'attuale crisi sanitaria, in tutta la sua tragedia, potrebbe essere solo l'inizio.

Questo articolo è apparso per la prima volta nell'edizione cartacea il 1 maggio 2021 con il titolo 'Cosa dice il voto e cosa no'. Scrivi all'autore a aakash.joshi@expressindia.com.