Comprendere il flusso strategico e la crisi umanitaria in Afghanistan

Sujan R Chinoy scrive: I talebani dovranno mostrare moderazione se vogliono essere accettati come membri della comunità globale.

Il governo afghano e le sue forze di difesa sono completamente crollati. I leader chiave sono fuggiti dal paese. Rimanendo, Hamid Karzai, Abdullah Abdullah e Gulbuddin Hekmatyar fanno forse affidamento sulle loro reti personali. (Illustrazione di C R Sasikumar)

In tutto il mondo, gli schermi televisivi sono pieni di immagini del Straordinaria conquista dell'Afghanistan da parte dei Talebani . Questa volta, i talebani lo hanno fatto ancora più velocemente che nel 1996. Una tragedia umanitaria in corso ha travolto il paese.

Migliaia di cittadini afgani stanno fuggendo nel tentativo di mettere le distanze tra loro ei talebani. Con i paesi vicini ancora contrari all'ammissione di rifugiati dall'Afghanistan attraverso rotte via terra, il viaggio aereo da Kabul sembra l'unica opzione.

Immagini agghiaccianti di fuggi fuggi all'aeroporto di Kabul, comprese persone che corrono accanto a un aereo dell'aeronautica americana e clandestini disperati che precipitano verso la morte hanno scosso la coscienza globale.



Il governo afghano e le sue forze di difesa sono completamente crollati. I leader chiave sono fuggiti dal paese. Rimanendo, Hamid Karzai, Abdullah Abdullah e Gulbuddin Hekmatyar fanno forse affidamento sulle loro reti personali.

Gli Stati Uniti hanno speso molto tesoro e versato molto sangue negli ultimi due decenni. L'innesco originale dell'intervento militare statunitense in Afghanistan sono stati gli attacchi dell'11 settembre. L'obiettivo allora era eliminare i santuari di al Qaeda ospitati dai talebani. Questo obiettivo è stato rapidamente raggiunto, così come un altro: l'eliminazione di Osama Bin Laden ad Abbottabad, in Pakistan, nel 2011.

Gli Stati Uniti sono stati successivamente risucchiati in un vortice in cui la loro missione oscillava tra l'antiterrorismo e la controinsurrezione. Anche sotto quattro presidenti consecutivi, la politica degli Stati Uniti nei confronti dell'Afghanistan è rimasta in movimento. La presenza militare in Afghanistan è stata messa in discussione per un decennio dal firmamento politico statunitense. Gli Stati Uniti sono da tempo alla ricerca di un'uscita onorevole. Nel frattempo, i trilioni di dollari riversati in Afghanistan in programmi di sviluppo e ricostruzione avevano portato a interessi acquisiti sotto forma di appaltatori di sicurezza privati, fornitori di servizi e ONG.

Oggi, l'ascesa della Cina è la principale minaccia geo-strategica per gli Stati Uniti. Nel 2001, gli Stati Uniti avevano distolto l'attenzione dalla palla nel dirottare la loro attenzione sulla guerra globale al terrore. A partire dall'Afghanistan, ha attraversato l'Iraq, la Libia e la Siria, con risultati alterni.

Gli Stati Uniti ora considerano la Cina il suo principale concorrente strategico. I muscoli di quest'ultimo nel Mar Cinese Orientale e Meridionale richiedono un rinnovato sforzo da parte degli Stati Uniti per proteggere la propria posta in gioco. Anche il recente aumento della pressione della Cina su Taiwan ha lanciato l'allarme. Gli Stati Uniti possono mal sopportare il continuo fardello di una presenza militare in Afghanistan, anch'essa di scarsa utilità, se devono affrontare efficacemente la Cina nell'Indo-Pacifico per tutelare i propri interessi.

La Cina aveva astutamente invitato il leader talebano Mullah Abdul Ghani Baradar all'inizio nel tentativo di ottenere assicurazioni che impedissero che il territorio afghano venisse utilizzato per ospitare separatisti uiguri.

Nell'accogliere gli ultimi sviluppi, il portavoce del ministero degli Esteri cinese ha espresso la volontà di continuare a sviluppare relazioni amichevoli e di cooperazione con l'Afghanistan. L'impegno con i talebani può dare i suoi frutti. Allo stesso tempo, la Cina non può dimenticare il fatto che gli Stati Uniti, dopo essersi liberati dell'albatro dell'Afghanistan al collo, avranno opzioni migliori e maggiori risorse nel trattare con la Cina.

Non dovrebbe sorprendere se un governo talebano in Afghanistan dovesse essere amichevole nei confronti della Cina e del Pakistan. Il nuovo regime in
Kabul rischia di aprire le porte agli investimenti economici dalla Cina. A livello geopolitico, la BRI potrebbe ricevere una spinta, dati gli interessi della Cina nella connettività che potrebbe attraversare la regione, dal Pakistan all'Iran.

Nel 1996, l'Arabia Saudita, gli Emirati Arabi Uniti e il Pakistan hanno rapidamente riconosciuto l'Emirato islamico dell'Afghanistan istituito dai talebani 1.0. Anche questa volta il Pakistan ha mostrato alacrità nell'accogliere il cambio della guardia a Kabul. Le osservazioni del primo ministro Imran Khan sugli afgani che si sono liberati dalle catene della schiavitù possono irritare gli Stati Uniti.

A livello multilaterale, il comunicato stampa del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite emesso il 16 agosto dal Rappresentante permanente dell'India, in qualità di presidente a rotazione, chiede l'immediata cessazione di tutte le ostilità e l'istituzione, attraverso negoziati inclusivi, di un nuovo governo unito , inclusivo e rappresentativo.

In riconoscimento dei sudati guadagni realizzati negli ultimi due decenni, sottolinea anche la necessità di una partecipazione continua delle donne alla governance. La dichiarazione esprime anche preoccupazione per la violazione dei diritti umani e del diritto internazionale umanitario.

Il colosso talebano sta cercando di proiettare un'immagine più moderata di se stesso a un pubblico globale che ha vividi ricordi del suo governo draconiano negli anni '90. Annunciando che non ci sarebbero state rappresaglie, i talebani hanno lanciato un segnale in tal senso. Tuttavia, il mondo avrà bisogno di più di semplici parole come prova nei prossimi mesi. I talebani non possono permettersi di alienarsi la comunità globale ripetendo le sue politiche retrograde, in particolare su questioni riguardanti i rifugi sicuri per i terroristi ei diritti delle donne e delle minoranze.

Conquistare un paese con la forza è una cosa, ma governarlo efficacemente è tutt'altra cosa. Attraverso la recente campagna, i talebani hanno rivelato una propensione alla violenza. Ora dovranno dimostrare una capacità di governance. Dovranno mostrare moderazione se desiderano essere accettati come membri della comunità globale e mantenere il talento coltivato negli ultimi anni.

Il mantenimento della rete di comunicazione ampiamente migliorata, l'infrastruttura energetica, gli ospedali e le strutture sanitarie e la gestione efficiente dei numerosi progetti di sviluppo della comunità in atto risulteranno altrimenti come sfide importanti.

Ovviamente, il cambiamento in Afghanistan ha implicazioni sulla sicurezza per l'India e la regione in generale. Una ricaduta di qualsiasi caos e instabilità in Afghanistan al di là dei suoi confini potrebbe dare al terrorismo una boccata d'ossigeno.

Potrebbe anche bruciare il Pakistan se non rivede le sue pratiche malevole, che favoriscono il terrorismo come strumento della politica statale. L'India dovrebbe dare la priorità al benessere del popolo afghano, ogni volta che se ne presenta l'opportunità. Attualmente, circa 2.500 studenti afgani sono iscritti in istituti educativi e professionali in tutta l'India. Senza dubbio vorranno estendere le loro borse di studio.

Centinaia di nuovi studenti in Afghanistan potrebbero essere in attesa dietro le quinte di venire in India, avendo già ottenuto l'ammissione. C'è da chiedersi se potranno lasciare l'Afghanistan nelle attuali circostanze.

In quanto vicino vicino, l'India ha una forte posta in gioco nell'assicurare un Afghanistan stabile, sicuro e sviluppato. In qualità di presidente a rotazione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per agosto, l'India ha l'opportunità di coinvolgere importanti parti interessate sulla via da seguire. Oltre a ciò, la presenza dell'India nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite fino alla fine del 2022 fornirà una piattaforma per esplorare le opzioni con maggiore flessibilità.

Questa colonna è apparsa per la prima volta nell'edizione cartacea il 18 agosto 2021 con il titolo 'The tremors from Kabul'. Lo scrittore, un ex ambasciatore, è attualmente direttore generale del Manohar Parrikar Institute for Defense Studies and Analyses, New Delhi. Le opinioni sono personali