Il clamoroso fallimento della guerra al terrorismo degli Stati Uniti

Kanwal Sibal scrive: Il divario tra i suoi obiettivi dichiarati e il risultato effettivo è evidente nell'aumento del terrorismo e dell'estremismo religioso in Asia occidentale, Africa e Asia meridionale.

Un elicottero Chinook dell'esercito americano sorvola Kabul, Afghanistan, 2 maggio 2021. (The New York Times: Jim Huylebroek)

L'11 settembre ha posto le basi per la guerra globale americana al terrore. Gli attacchi di al Qaeda dell'11 settembre 2001 contro i simboli militari ed economici della prima potenza mondiale erano destinati a innescare una risposta americana globale.

Gli attacchi hanno suscitato manifestazioni di simpatia e solidarietà in tutto il mondo, anche da paesi ostili agli Stati Uniti. La scioccata consapevolezza che il terrorismo ben organizzato potrebbe causare un caos su vasta scala ovunque deve essere affondata. Il presidente Vladimir Putin è stato il primo leader straniero a parlare con il presidente George W. Bush. La Cina ha inviato le condoglianze. Cuba, Libia, Corea del Nord, Assad in Siria e leader iraniani Khamenei e Khatami hanno condannato gli attacchi.

L'Afghanistan è stato il primo obiettivo della guerra al terrorismo, i cui grandiosi obiettivi, come enunciato dall'amministrazione Bush, erano sconfiggere terroristi come Osama bin Laden e distruggere le loro organizzazioni, porre fine alla sponsorizzazione statale del terrorismo, rafforzare lo sforzo internazionale per combattere il terrorismo e abolire i santuari e i rifugi terroristici. Il regime talebano, che dava rifugio a Osama, fu estromesso militarmente.



Nella fase esaltante dell'unilateralismo statunitense, è stato utilizzato come strumento per raggiungere obiettivi di politica estera più ampi nell'Asia occidentale eliminando i leader che si opponevano o non servivano più gli interessi geopolitici americani nella regione, a cominciare da Saddam Hussein. Anche l'azione militare contro l'Iraq nel 2003 è stata etichettata come parte della guerra al terrore. Il fenomeno della Primavera araba del 2011 ha ottenuto il sostegno degli Stati Uniti nella speranza che l'impulso alla democrazia nel mondo arabo si rivelasse un antidoto all'estremismo religioso e al terrorismo nella società araba. Il cambio di regime in Libia e il tentativo di rovesciare il regime siriano nel 2011 su basi miste di terrorismo e diritti umani sono stati prodotti di questa convinzione derivante dall'umore e dalle politiche che l'11 settembre ha generato negli Stati Uniti.

Tuttavia, il segnale di fallimento in Iraq e Afghanistan nel costruire la nazione su basi democratiche, il caos in Libia e il caos in Siria hanno messo in luce i limiti politici e militari della guerra al terrore come strumento del potere statale nell'eliminare gli attori non statali ispirati da un'ideologia pan-nazionale basata su ingiunzioni scritturali, avversione culturale e un profondo senso di vendetta per le umiliazioni inflitte dall'Occidente. Un'ondata di terrorismo, conflitti civili, flussi di rifugiati e compromessi locali senza scrupoli con l'estremismo hanno screditato la guerra al terrore. Il presidente Barack Obama, nel 2013, ha abbassato gli occhi, ha scartato la fraseologia della guerra al terrore, restringendo la guerra al terrore senza limiti a una serie di sforzi persistenti e mirati per smantellare reti specifiche di estremisti violenti che minacciano l'America. Ciò significava già che la crociata antiterrorismo americana si sarebbe limitata principalmente a proteggere la propria sicurezza, un'opinione espressa più chiaramente da Trump. Il ritiro unilaterale dall'Afghanistan rappresenta ampiamente questa realtà.

Misurata dai suoi obiettivi dichiarati e dalle conseguenze internazionali, la guerra globale al terrorismo è fallita in modo sorprendente. L'eliminazione di Bin Laden potrebbe aver fornito un trofeo da esibire, ma il terrorismo islamista e l'estremismo religioso hanno avuto un enorme impulso con l'ascesa dello Stato Islamico in alcune parti dell'Iraq e della Siria, e dopo la sua eliminazione, la pronunciata diffusione in Africa di movimenti estremisti affiliati con Al Qaeda e lo Stato Islamico. Il terrorismo islamista ha colpito brutalmente il Bangladesh e lo Sri Lanka e ha preso di mira il sud-est asiatico. L'Europa ha subito drammatici attentati terroristici e un afflusso di rifugiati, con conseguenze politiche e sociali segnate dall'aumento del sentimento anti-islamico e delle forze nazionaliste di destra.

La guerra al terrorismo degli Stati Uniti dopo l'11 settembre ha avuto un impatto sfavorevole sugli interessi dell'India. La rimozione dei regimi autocratici ma laici nell'Asia occidentale ha permesso l'ascesa di movimenti estremisti islamici che erano stati consapevolmente repressi, portando a gravi preoccupazioni in India, vittima del terrorismo jihadista, per le ricadute nel subcontinente.

Ironia della sorte, tuttavia, l'emergere dello Stato islamico e di una rinvigorita Fratellanza Musulmana ha avuto l'effetto collaterale di avvicinare all'India gli stati del Golfo come gli Emirati Arabi Uniti e l'Arabia Saudita, preoccupati per il pericolo rappresentato dalle loro politiche da queste ideologie. Le draconiane sanzioni americane all'Iran, anche per le sue presunte attività terroristiche, hanno influito negativamente sui nostri interessi strategici ed energetici in Iran.

Il divario tra gli obiettivi della guerra al terrore americana e i risultati effettivi è chiaro nella nostra regione. I terroristi non sono stati sconfitti né le loro organizzazioni distrutte, né in Pakistan né in Afghanistan. Nonostante la sponsorizzazione statale del terrorismo da parte del Pakistan, non solo contro l'India ma anche contro le forze statunitensi in Afghanistan, gli Stati Uniti hanno guardato al Pakistan per facilitare il suo ritiro dall'Afghanistan attraverso i suoi legami con i talebani, permettendogli nel processo di ottenere la sua agognata profondità strategica in Afghanistan contro l'India. Gli Stati Uniti non sono riusciti ad abolire i santuari e i rifugi terroristici in Pakistan, né a costringere un Pakistan riluttante ad agire contro il gruppo Haqqani, che ora controlla il ministero degli interni afghano. Ironia della sorte, mentre gli Stati Uniti hanno agito per distruggere lo Stato islamico nell'Asia occidentale, hanno consegnato uno stato ai talebani, con il nuovo governo afghano composto liberamente da terroristi designati dalle Nazioni Unite. Ironia della sorte, estremisti e terroristi islamici hanno conquistato un paese senza alcun processo democratico con il consenso di un'America impegnata nei valori democratici.

Di fronte a tutte queste realtà negative, la cooperazione antiterrorismo tra India e Stati Uniti si è estesa in modo produttivo in aree importanti. Il riconoscimento da parte degli Stati Uniti di LeT, JeM, HuM come gruppi terroristici e i suoi riferimenti al terrorismo transfrontaliero sono stati diplomaticamente utili, ma ciò non ha bilanciato lo spazio impunito molto più ampio concesso al Pakistan nonostante le sue affiliazioni terroristiche.

La guerra degli Stati Uniti al terrorismo è stata selettiva, viziata da doppi standard, equivoci e motivazioni geopolitiche. L'obiettivo dichiarato non era quello di rendere sicura solo l'America, ma eliminare la minaccia terroristica a livello globale come parte del ruolo di leadership dell'America. Il modo in cui si è ritirato dall'Afghanistan ha creato dubbi sul fatto che onorerà i suoi impegni altrove, portando i paesi a proteggersi. L'Europa vede il ritiro come un disastro di politica estera per l'alleanza occidentale. L'India è meno sicura con l'acquisizione dell'Afghanistan da parte dei talebani e del Pakistan sotto l'ombrello accomodante degli Stati Uniti.

Questa colonna è apparsa per la prima volta nell'edizione cartacea il 14 settembre 2021 con il titolo 'Guerra e terrore'. Lo scrittore è un ex ministro degli Esteri