27 settembre 1981, quarant'anni fa: le proteste di Dhaka

Il governo indiano ha ignorato le notizie provenienti da Dhaka secondo cui 18 cittadini del Bangladesh erano stati uccisi all'interno dei confini del Bangladesh in un attacco da parte del personale di sicurezza indiano all'inizio di questa settimana.

Nessuna persona della sicurezza indiana è stata coinvolta nell'incidente segnalato, ha detto un portavoce del ministero degli affari esteri dell'Unione.

Il governo indiano ha ignorato le notizie provenienti da Dhaka secondo cui 18 cittadini del Bangladesh erano stati uccisi all'interno dei confini del Bangladesh in un attacco da parte del personale di sicurezza indiano all'inizio di questa settimana. Nessuna persona della sicurezza indiana è stata coinvolta nell'incidente segnalato, ha detto un portavoce del ministero degli affari esteri dell'Unione. Il portavoce ha detto che non c'è stata alcuna richiesta da parte del governo del Bangladesh in risposta alla richiesta dei funzionari indiani locali di un incontro per risolvere il problema. Ha detto che circa 5.000 persone appartenenti a comunità tribali sono entrate in India dal Bangladesh negli ultimi giorni. Nel frattempo, il governo del Bangladesh aveva presentato una forte protesta con l'India per presunte violazioni dei confini da parte di 500 malviventi nelle aree del Chittagong Hill Tract.

CM nega addebiti

Negando le accuse di corruzione mosse contro di lui, il primo ministro del Bihar Jagannath Mishra ha lanciato una controffensiva contro Karpoori Thakur che ha affermato stava tentando di dare autenticità alle sue bugie inventate basando le sue informazioni su un immaginario rapporto del ministero dell'Interno. Nella sua lunga replica, Mishra ha accusato Thakur di guadagnare più di 2 crore di rupie da contratti stipulati dal Bihar Electricity Board. Negando di aver contribuito all'aumento del prezzo dell'acquavite da 75 paisa a Rs 1,80 al litro, il prezzo era stato stabilito dall'ufficio delle accise dopo trattative con i produttori. Ha anche detto che il ministro dell'Interno dell'Unione, Giani Zail Singh, gli aveva detto che nessuna inchiesta era stata avviata sulle accuse contro di lui.



Allerta tempesta

Il movimento delle navi da e verso il porto di Calcutta e il complesso portuale di Haldia e il normale lavoro in questi sistemi portuali sono stati interrotti da forti tempeste cicloniche. Un segnale di pericolo è stato issato nei porti di Calcutta e nel complesso portuale di Haldia per avvertire navi, pescherecci e pescherecci di una forte tempesta ciclonica.