Raiders G Richie Incognito spiega le minacce per tagliare la testa del defunto padre

La guardia di Oakland Raiders Richie Incognito sta fornendo più contesto dietro le sue presunte minacce per tagliare la testa al padre defunto, un incidente che ha portato alla sua arresto a Messingers Funeral Home a Scottsdale, in Arizona, nell'agosto 2018. In una clip teaser rilasciata per un prossimo episodio di HBO Sport reali con Bryant Gumbel, Viene mostrato Incognito che spiega i diversi fattori che hanno portato all'incidente del funerale. Ha spiegato nella clip che la combinazione di alcol pesante e uso di marijuana combinata con una mancanza di sonno lo ha spinto a colpire pugni e lanciare oggetti.

La parte più strana dell'intero scenario è che Incognito credeva in realtà di agire normalmente in quel momento. Nella sua mente, non stava facendo nulla di male.

'È stata una giornata emozionante per me', ha detto Incognito, 'e mi sono presentato alla casa del funerale, e non ero nella mia migliore salute. Pensavo di comportarmi normalmente. Ti accoppi nei giorni in cui non dormi, quindi il pesante uso di marijuana, oltre al bere. Tutto ciò è una ricetta per il disastro per una persona come me. '



Secondo Incognito, la marijuana era la droga più potente che era in quel momento. Non stava usando nient'altro. 'Assolutamente no', ha risposto quando gli è stato chiesto di usare altre droghe.

Originariamente una scelta del terzo round da parte del St. Louis Rams nel 2005 NFL Draft, Incognito ha trascorso quattro anni con i Rams prima di dirigersi verso i Delfini e diventare una guardia del Pro Bowl. Tuttavia, uno scandalo di bullismo lo ha portato a essere tagliato dai Delfini nel 2014. Trascorrerebbe del tutto l'anno fuori dal calcio.