Il 'contenimento' della serie Netflix vede un picco di spettatori nel mezzo della pandemia di coronavirus

Mentre le persone trascorrono sempre più tempo al chiuso in mezzo alla pandemia di coronavirus, molti di loro si rivolgono alla televisione come un modo per passare il tempo. Numerosi spettacoli e film hanno visto un aumento del pubblico, in particolare film come Contagio e Netflix serie di documentari Pandemia . Un altro programma pensato per i virus è Contenimento , originariamente trasmesso su CW.

Il film si svolge ad Atlanta, in Georgia, e si basa sulla serie belga 2014 cordone . Contenimento vede scoppiare una misteriosa epidemia ad Atlanta, che impone una quarantena urbana. La quarantena è estrema, con una zona della città completamente isolata e gli abitanti chiusi a chiave all'interno, con conseguente tensione tra quelli chiusi insieme. L'infezione è iniziata con una persona che ha insistito per lasciare l'ospedale dopo essere stata visitata da un medico, che ha anche avuto la misteriosa malattia. Lo spettacolo tiene traccia dei medici mentre provano a localizzare i pazienti infetti e i pazienti stessi, compresi quelli nel blocco.

Contenimento è stato prodotto da The Vampire Diaries produttore Julie Plec e presentato in anteprima nel 2016 prima che la rete annunciasse che lo spettacolo non sarebbe stato rinnovato. Ha ricevuto valutazioni modeste, ma ora sta godendo di un'impennata di popolarità a causa della pandemia di coronavirus. Lo spettacolo ha una stagione e 13 episodi ed è diventato uno dei programmi TV più popolari su Netflix, arrivando nella Top 10 del servizio di streaming questa settimana. Ha interpretato David Gyasi, Christina Moses, Chris Wood, Kristen Gutoskie, Claudia Black, George Young, Hanna Mangan-Lawrence e Trevor St. John.



Secondo a comunicato stampa a tema coronavirus da AT&T, il traffico sulla sua rete per Netflix ha raggiunto il massimo storico tra milioni di auto-quarantene. Anche il servizio di streaming ha visto un aumento del mercato azionario, aumentando di poco più del 20% da $ 298,84 del 16 marzo a $ 360,27 del 23 marzo, Forbes rapporti. Anche altri servizi di streaming hanno visto un aumento della domanda tra il coronavirus, inclusi Amazon Prime e YouTube.