Riforme del lavoro senza volto umano

Non c'è dubbio sulla necessità di semplificare le leggi sul lavoro, ma una politica di assunzione e incendio potrebbe non essere quella che il medico ha ordinato per il settore manifatturiero.

Riforme del lavoro senza volto umanoIn nome delle riforme, i diritti del lavoro non devono essere compromessi tagliando le ali ai sindacati.

Scritto da Atul Sarma e Shyam Sunder

Dal passaggio dell'economia indiana a un'economia aperta e guidata dal mercato nel 1991, la produzione ha perso la sua quota nel PIL, dal 16,6 per cento nel 1990 al 13,7 per cento nel 2019, tranne che per due anni (2009-10). Non è riuscito a funzionare in modo efficiente in un sistema di mercato competitivo. L'eccessiva regolamentazione e le leggi rigide del lavoro sono ampiamente considerate come i principali ostacoli alla loro crescita e competitività. In effetti, come ha evidenziato uno studio di Team Lease (la più grande agenzia di lavoro interinale dell'India), l'India ha un regime giuridico complesso, che disciplina le relazioni tra lavoro e capitale con 463 atti, 3.2542 adempimenti e 3.048 documenti. Diversi altri studi hanno anche sostenuto che la molteplicità di complesse normative sul lavoro e la natura ingombrante degli adempimenti agiscono come un ostacolo alla crescita del settore. Un regime rigido limita il settore manifatturiero e aumenta i costi di transazione elevati.

Per promuovere un sistema trasparente e semplificato per adattarsi all'ambiente imprenditoriale contemporaneo e facilitare la facilità di fare affari senza compromettere il benessere del lavoro, il Centro ha introdotto una serie di riforme del diritto del lavoro. Sulla base delle raccomandazioni della Seconda Commissione del Lavoro (1999), 29 leggi sul lavoro sono state consolidate in quattro codici. Si tratta del Codice salariale che si occupa della fissazione del salario minimo; Codice di sicurezza sociale che fissa le soglie per i regimi di sicurezza sociale; Codice delle relazioni industriali che tratta la classificazione dei lavoratori, disposizioni per l'iscrizione ai sindacati, pratiche di lavoro scorrette, licenziamenti e licenziamenti e risoluzione delle controversie sindacali e Codice della sicurezza, della salute e delle condizioni di lavoro che specifica gli standard di sicurezza e le condizioni di lavoro.



Questo articolo discute alcuni tratti salienti del Codice delle Relazioni Industriali (Codice IR) che sono diretti a migliorare l'efficienza e la competitività del settore manifatturiero mantenendo il benessere del lavoro.

In generale, modificando, rivedendo e ampliando la definizione di industria, datore di lavoro, dipendente, lavoratore, sciopero, licenziamento, liquidazione e vari numeri di soglia, il Codice IR ha cercato di portare un cambiamento di paradigma nelle leggi sul lavoro a un livello e nei dipendenti- rapporti di lavoro presso un altro.

Il requisito obbligatorio degli stabilimenti industriali di ottenere la previa autorizzazione del governo prima di licenziamenti, licenziamenti e chiusure è stato notevolmente allentato aumentando il livello soglia dei lavoratori da 100 o più a 300 o più. Opportuna iniziativa del governo potrebbe anche aumentare la soglia a numeri più alti, previa notifica. Anche in questo caso, l'autorizzazione preventiva è stata esentata se il licenziamento è dovuto a mancanza di energia, calamità naturale e, nel caso di una miniera, se il licenziamento è dovuto a incendio, inondazione, eccesso di gas infiammabile o esplosione. Inoltre, è stato introdotto il concetto di approvazione presunta nel caso in cui il governo competente non risponda alla domanda di autorizzazione entro 60 giorni.

Ampliare l'ambito di restrizione nel codice IR consentirebbe ai datori di lavoro di praticare tagli e licenziamenti arbitrari. Ciò creerebbe un senso di insicurezza tra i lavoratori anche con la previsione di una compensazione vincolata e definita in luogo del licenziamento.

Il codice IR ha introdotto una nuova categoria di lavoro, il lavoro a tempo determinato, che godrà degli stessi benefici, compresa la gratuità, previsti per i lavoratori a tempo indeterminato. Ciò consentirà agli stabilimenti industriali di assumere lavoratori stagionali in base alle loro esigenze. Sarà possibile spostare il lavoro e le attività da tempo indeterminato a tempo determinato in quanto non sono previsti criteri oggettivi per un periodo minimo o massimo né alcun tetto al successivo ricorso a contratti a tempo determinato. Il contratto di lavoro è stato definito nel Codice della previdenza sociale ma non trova menzione nel Codice IR.

Il riconoscimento del sindacato negoziale nel Codice IR ha cercato di snellire i processi negoziali entro un lasso di tempo rimuovendo le complessità e riducendo al minimo il numero di sindacati. Requisiti più rigorosi per il riconoscimento del sindacato ridurrebbero il potere di contrattazione collettiva dei lavoratori.

Secondo le disposizioni del Codice IR, la risoluzione delle controversie tra un datore di lavoro e un dipendente deve essere trattata mediante arbitrato sulla base di un accordo scritto. Questo sarà disciplinato dalla procedura prevista dal Codice. Il Codice IR prevede un limite di due anni per l'ufficiale di conciliazione per portare in conciliazione una controversia sindacale, che potrebbe non essere sufficiente in molte circostanze. I tribunali industriali di due membri e il tribunale nazionale del lavoro con un membro giudiziario e un membro amministrativo sostituiranno gli organi giurisdizionali multipli esistenti come la corte d'inchiesta, il consiglio di conciliazione e i tribunali del lavoro

Inoltre, vari aspetti essenziali della legge, come l'aumento della soglia per i licenziamenti, il ridimensionamento e la chiusura, potrebbero ora essere regolati. Ciò significa che i governi centrali e statali possono sempre giocare intorno ai limiti di soglia.

I sindacati hanno osservato che i codici IR non sono favorevoli al lavoro e c'è un chiaro tentativo di sminuire il ruolo dei sindacati. I codici collocheranno oltre il 74 per cento dei lavoratori dell'industria e il 70 per cento degli stabilimenti industriali sotto il regime di assunzione e licenziamento per volontà dei datori di lavoro; anche formare un sindacato sarà estremamente difficile; ci sarà un divieto virtuale del diritto dei lavoratori di scioperare e persino di agitare collettivamente per le loro lamentele e richieste.

In effetti, il Codice IR sembra essere stato concepito in modo tale da incoraggiare la negoziazione tra lavoratore e datore di lavoro su base individuale, riducendo così il ruolo della contrattazione collettiva da parte dei sindacati. Le numerose concessioni e deroghe unilaterali date ai datori di lavoro non contribuiranno al raggiungimento del benessere del lavoro. Con il potere conferito ai governi centrale e statale di diluire o derogare a determinate clausole, potrebbe esserci una maggiore complessità nell'applicazione della legge a causa della presenza di leggi diverse in diversi stati.

Nel complesso, il codice IR ha dato un'enorme flessibilità ai datori di lavoro mentre mercificava il lavoro. Ciò si basa sulla premessa che il regime di lavoro flessibile migliorerebbe la competitività del settore manifatturiero. Ci sono elementi nei codici IR che porterebbero all'insicurezza del lavoro. Ciò minerà la lealtà e l'impegno del lavoro e, di conseguenza, la produttività.

La domanda più grande è se le condizioni attuali siano favorevoli a una riforma del lavoro così drastica. È un momento in cui milioni di persone hanno perso il lavoro a causa di un improvviso blocco. La quota della retribuzione del lavoro nel reddito nazionale in India è diminuita dal 38,5% nel 1981 al 35,4% nel 2013 (ILO, India Wage report). L'automazione e il maggiore utilizzo della tecnologia nella produzione hanno avuto un impatto sulla domanda di lavoro. Data la contrazione dell'economia del 23,9 per cento nel primo trimestre, una spinta della domanda, non un calo dei salari, è ciò che è urgentemente necessario per stimolare l'economia.

Nel complesso, la riforma e la semplificazione delle leggi sul lavoro sono assolutamente necessarie, ma un regime di assunzioni e licenziamenti non risolverà i problemi né scatenerà il livello di efficienza desiderato nel settore manifatturiero. In realtà, il settore manifatturiero indiano ha molte altre sfide comprese quelle relative alla terra, al capitale e alla tecnologia. Pertanto, in nome delle riforme, i diritti del lavoro non devono essere compromessi tagliando le ali ai sindacati.

Atul Sarma è Distinguished Professor presso il Council for Social Development, Delhi e Shyam Sunder lavora con un'importante azienda indiana. Le opinioni sono personali