È giunto il momento che la tragedia della comunità musulmana iniziata con la partizione finisca

Il prezzo più pesante è stato pagato dai musulmani rimasti in India. I musulmani ricchi e istruiti si trasferirono in Pakistan. I poveri e gli analfabeti sono rimasti in India, dove hanno dovuto affrontare la rabbia degli indù.

Musulmani in India, Popolazione musulmana in India, BNRC musulmano, Proteste CAA, Protesta India CAA, Protesta della cittadinanza indiana, Protesta CAA NRC india, Laicismo India, Notizie Indian ExpressLa via d'uscita sensata per i musulmani indiani è rivolgere le proprie energie verso l'interno, fornire ai giovani musulmani la migliore istruzione possibile in buone scuole e college.

Nel momento della Brexit del laicismo (IE, 6 gennaio), Ramesh Venkataraman esorta i laici a impegnarsi in un dibattito autocritico. La spinta dell'RSS/BJP negli ultimi sei mesi ha portato a un cambiamento nel discorso nazionale, che è andato contro i musulmani. La comunità sta attraversando una fase difficile, soprattutto in Kashmir e Uttar Pradesh. I laicisti musulmani hanno fallito nel presentare il loro punto di vista? Hanno commesso un errore nella comprensione della psiche RSS? Un'analisi critica della laicità è necessaria per fermare l'allargamento e il pericoloso divario comunitario.

Il profeta Maometto commentava spesso la brezza profumata che soffiava nel mondo arabo dall'Hind. Il Kerala e la penisola araba avevano legami commerciali. La prima moschea in India fu costruita all'incirca nel periodo in cui il Profeta morì. Naturalmente, c'erano differenze fondamentali tra l'Islam e l'Induismo. Ma il Corano è stato rivelato al Profeta in un periodo di oltre 20 anni. Allo stesso modo, l'induismo è una religione basata sulle rivelazioni a molti rishi nel corso dei secoli. Il nucleo di entrambe le fedi sottolinea la pace, la compassione e la fratellanza.

Per i musulmani, le rivelazioni al Profeta servivano da vincolo. Ma le interpretazioni di quel messaggio portarono alla nascita di varie sette. L'induismo, al contrario, era una piramide spirituale, con i bramini in cima e i dailt in fondo. La divisione del lavoro e del lavoro intellettuale divideva la società indù in caste e sottocaste.



Gandhi ha cercato di rendere i musulmani una componente attiva del movimento nazionale contro i colonialisti britannici. Il sultano della Turchia, considerato il califfo dai musulmani, fu rovesciato dopo la prima guerra mondiale e il titolo di califfo gli fu tolto. I musulmani ortodossi dell'India volevano che il titolo fosse restituito al Sultano. Gandhi ha fatto di questa una delle richieste del movimento nazionale. Col senno di poi, questo suona assurdo. La mossa ha rafforzato l'ortodossia tra i musulmani. Il ruolo degli ulema aumentò, il che ebbe conseguenze disastrose che portarono alla spartizione del paese. Jinnah, un liberale, è stato isolato nella politica nazionale ed è diventato amareggiato. Alla fine degli anni '30, si unì agli ulema e ad altri ultraconservatori tra i musulmani e assunse la guida della comunità. La sua richiesta di spartizione ha inaugurato una tragedia per i musulmani che continua ancora oggi.

Il prezzo più pesante è stato pagato dai musulmani rimasti in India. I musulmani ricchi e istruiti si trasferirono in Pakistan. I poveri e gli analfabeti sono rimasti in India, dove hanno dovuto affrontare la rabbia degli indù.

L'Islam è per natura una fede universale. È incompatibile con il nazionalismo. Una fede basata su un dio, un profeta e un libro sacro non può mai essere vincolata da confini territoriali. Mostrami due paesi musulmani che condividono un confine comune e tuttavia vivono come fratelli. Religione e nazionalismo sono aspetti fondamentali della vita moderna. Ma per i musulmani questi sono spesso concetti contrastanti che rendono miserabile la vita delle persone. Il Pakistan è stato coinvolto in un conflitto di lunga data con l'Afghanistan. Al contrario, il Bangladesh è una storia di successo perché tutti i suoi vicini sono prevalentemente non musulmani.

La via d'uscita sensata per i musulmani indiani è rivolgere le proprie energie verso l'interno, fornire ai giovani musulmani la migliore istruzione possibile in buone scuole e college. Gli studenti poveri della comunità dovrebbero ricevere borse di studio e i musulmani poveri che frequentano le scuole municipali e panchayat dovrebbero ricevere un addestramento speciale. Questo può essere ottenuto con un uso saggio dei fondi Zakat. In Gujarat, abbiamo fondato il Zidni Ilma Charitable Trust, che si occupa dei bambini poveri e della classe medio-bassa. I fondi provengono principalmente da comuni musulmani, anche se alcuni ricchi mecenati ci aiutano molto. Questo potrebbe essere l'unico rimedio al dolore causato dalla Partizione o un modo per calmare le ansie causate dal CAA/NRC.

Fortunatamente, i musulmani stanno uscendo dalle grinfie del fanatismo religioso. Hanno iniziato a concentrarsi sull'istruzione, partecipare agli affari e criticare le restrizioni religiose che discriminano sulla base del genere. La maggior parte dei musulmani accetta che il triplo talaq sia contro le ingiunzioni coraniche. Il forte aumento delle professioniste musulmane è un segno vitale di cambiamento. Occorre fare molto di più. Abbiamo esortato i musulmani più ricchi a evitare le ripetute visite di Haj e Umra e di utilizzare il denaro per sostenere gli studenti poveri.

È anche vitale che i musulmani istruiti stabiliscano collegamenti con l'RSS. Questo non vuol dire che dovrebbero unirsi all'outfit. Ma sarebbe vantaggioso per tutti, se i membri dell'RSS vedessero di persona come vivono i musulmani ordinari. Sane relazioni sociali tra comuni musulmani e indù contribuiranno notevolmente a stabilire pace e stabilità nelle nostre città, paesi e villaggi. I musulmani indiani sono i figli perduti di Partition. Recuperiamoli e vediamo con quanta rapidità l'India si eleva agli occhi del mondo. Sarebbe il miglior tributo al Mahatma Gandhi nel suo 150esimo anniversario.

Questo articolo è apparso per la prima volta nell'edizione cartacea dell'8 gennaio 2020, con il titolo Let's Reclaims The Muslims. Lo scrittore, attivista per i diritti umani con sede a Vadodara, insegnava fisica alla MS University.