Quinta colonna: Lezioni dall'America

Dobbiamo sperare che una volta diventato presidente, emerga un uomo più saggio e serio che gli permetta di affrontare i tristi problemi internazionali, complessi e terrificanti.

Elezioni presidenziali statunitensi, risultati delle elezioni statunitensi, relazioni familiari statunitensi, Donald Trump, Trump, Hillary Clinton, Clinton, notizie dagli Stati Uniti, notizie dal mondo, ultime notizie, indiano expressIl presidente eletto Donald Trump a New York. (Foto AP/ Evan Vucci)

Due cose mi hanno affascinato di più delle elezioni americane. Il primo è che, come in India nel 2014, gli esperti dei media, i sondaggisti e la classe istruita in generale hanno dimostrato di essere completamente disconnessi dagli elettori ordinari. La seconda è stata la grazia con cui il presidente Obama ha promesso di aiutare il presidente eletto nel passaggio alla Casa Bianca. Questo per un uomo che durante una campagna amara e feroce aveva messo in dubbio non solo tutto ciò che Barack Obama aveva fatto, ma anche il suo diritto di essere presidente degli Stati Uniti.

Prima di scrivere un'altra parola, voglio chiarire che se fossi stato un elettore americano non avrei votato per Donald Trump. Non mi è piaciuto il tono della sua campagna e condivido l'opinione che mostri chiari segni di essere un demagogo, un bigotto e di avere una visione miope che potrebbe rendere il mondo un posto più pericoloso di quanto non sia già. Dobbiamo sperare che una volta diventato presidente, emerga un uomo più saggio e serio che gli permetta di affrontare i tristi problemi internazionali, complessi e terrificanti.

Quindi cosa c'era in Trump che piaceva così tanto agli americani comuni da riuscire a sconfiggere un avversario che era infinitamente meglio preparato per il lavoro più potente del mondo? Ci ho pensato molte volte mentre sedevo incollato alla CNN guardando i risultati la scorsa settimana, e ho concluso che aveva toccato una corda dolorosa che era sfuggita all'attenzione della classe politica americana e di tutti i suoi esperti dei media. Lo liquidarono come un buffone fin dal primo giorno. Come con Narendra Modi nel 2014, gli esperti dei media non sono riusciti a vedere ciò che era completamente chiaro a milioni di elettori. Questo era che volevano votare per qualcuno che non offriva le solite soluzioni ai loro problemi. Modi lo ha fatto con il suo slogan di 'parivartan' e 'vikas', e Trump lo ha fatto con la sua promessa di 'rendere di nuovo grande l'America'. La gente comune ha visto ciò che gli esperti hanno perso.



Ora parliamo dell'importanza di un sano trasferimento di potere in una democrazia, anche se è dubbio che Trump avrebbe accettato la sconfitta con la stessa grazia di Hillary Clinton. Durante l'ultimo dibattito tra loro, ha avvertito che avrebbe accettato i risultati delle elezioni solo se avesse vinto. Quindi speriamo che sia stato umiliato dalla grazia con cui il presidente Obama ha promesso di istruire il suo staff a fare ogni sforzo per aiutarlo nel periodo di transizione. Questo tipo di trasferimento dignitoso di potere è qualcosa che certamente non abbiamo visto in India nel 2014. Ricordate gli sguardi imbronciati sui volti dei Gandhi mentre accettavano la sconfitta senza congratularsi una volta con Narendra Modi?

Fino ad oggi sembra che non abbiano pienamente accettato che ciò che sembrano considerare il loro diritto di nascita di governare l'India sia stato loro strappato. Questo potrebbe essere dovuto al fatto che quando una singola famiglia viene eletta più e più volte alla più alta carica, si abitua all'idea di governare e non governare. Quindi abbiamo una situazione oggi in cui Rahul Gandhi perde raramente l'occasione di insultare il Primo Ministro e la sua manciata di parlamentari non perde mai l'occasione di trasformare i dibattiti in Parlamento in scontri urlanti rancorosi.

Questo continua ad accadere a causa della speranza che l'incessante acrimonia renderà impossibile per il governo sopravvivere per un intero mandato? O l'altrettanto disperata speranza che il Primo Ministro venga distratto dal mantenere le sue promesse? In un modo o nell'altro, serve a distrarre i media dal concentrare le proprie energie su questioni reali invece di rumore e furia. Quindi un'altra lezione che in India possiamo imparare dall'America è l'importanza di dare a un leader appena eletto una piena possibilità. Il primo ministro Modi ultimamente ha iniziato a parlare della necessità che le elezioni generali e le elezioni delle Assemblee statali si tengano insieme, in una data prestabilita anziché in qualsiasi momento vecchio. Questo è qualcosa su cui la commissione elettorale dovrebbe iniziare a lavorare seriamente in modo che i futuri primi ministri possano dedicare più tempo alla governance che alla campagna elettorale. A meno che ciò non accada, l'India continuerà a barcollare invece di muoversi a tutta velocità verso la metà di un secolo che tutti, incluso Modi, profetizzavano sarebbero appartenuti a noi.

Nel frattempo, per il bene dell'America e per il bene del mondo, dobbiamo sperare che i media americani si sbagliassero su Trump quanto i media indiani su Modi. Si supponeva che l'oscurità e le orribili divisioni comunitarie avessero fatto a pezzi l'India nei primi mesi in cui Modi è diventato Primo Ministro e questo non è accaduto. L'oscurità e il destino continuano a essere profetizzati ora che Donald Trump è diventato il leader del mondo libero. Possano queste profezie essere smentite come quelle si sono dimostrate.