L'India ha bisogno di un Parlamento?

Manish Tewari scrive: In questo momento, i legislatori sono vincolati ai loro partiti, non alle loro convinzioni e idee. Questo deve cambiare se le nostre istituzioni legislative devono funzionare come dovrebbero.

Parlamento dell'India (foto d'archivio)

Un membro del Parlamento veterano, non dai banchi del tesoro, ha recentemente posto una domanda pertinente e provocatoria: l'India ha bisogno di un parlamento?

Le legislature centrali e statali nel corso dei decenni si sono sminuite sia per la loro condotta che per l'hara kiri che è stato commesso in termini di legiferare le disposizioni onerose del decimo programma della Costituzione indiana colloquialmente noto come Legge anti-defezione.

C'è stato un tempo, fino all'inizio degli anni '80, in cui il Parlamento, nonostante la strana aberrazione, si è distinto come una camera sia per un profondo dibattito che per un'alta eloquenza su questioni di interesse nazionale e legislazione benefica. Un parlamentare sapeva che il suo voto era importante e quindi c'era un incentivo a partecipare alla creazione di leggi migliori per il paese o addirittura a chiedere conto al proprio governo in caso di necessità. Il miglior esempio di ciò è stato Feroze Gandhi, che era la più grande bestia nera del governo Nehru negli anni '50.



Tutto ciò ha iniziato a cambiare con l'approvazione della Legge Anti-Defezione nel 1985. La dichiarazione di oggetti e ragioni di detta legge ha eloquentemente ammesso che il male delle defezioni politiche è stato una questione di interesse politico. Se non viene combattuta rischia di minare le fondamenta stesse della nostra democrazia ei principi che la sostengono.

Tuttavia, negli ultimi 35 anni della sua esistenza, ha solo finito per alzare l'asticella della defezione dalla vendita al dettaglio al commercio all'ingrosso. Concepito come un atto giuridico per imporre la morale politica, ha finito per risucchiare completamente l'essenza della democrazia dalle nostre istituzioni legislative. Li ha trasformati in sale di tirannia guidata dalla frusta in cui ai parlamentari e ai parlamentari parlamentari è precluso l'esercizio della loro saggezza in termini di coscienza, buon senso e interessi elettorali.

Oggi il partito politico che regala a qualsiasi persona un biglietto per contestare il suo simbolo esercita un controllo completo sulla sua mente e sulla sua anima. L'indiana normale che era in fila in una rovente mattina di mezza estate per esercitare il suo diritto di voto ed eleggere ogni singolo membro del Parlamento diventa solo un'apparizione.

Sicuramente i padri fondatori della Costituzione indiana, quando hanno optato per il suffragio universale degli adulti, non hanno approvato un modello in base al quale le preferenze elettorali sarebbero state esercitate da un singolo elettore ma il potere legislativo risiederebbe in un partito politico? Considerato da questo punto di vista, il Decimo Programma è una violazione dei canoni originali della Costituzione, se non la stessa dottrina della struttura di base.

Ecco perché alle 14 del pomeriggio, quando la Camera si riunisce per gli affari legislativi del governo, nei giorni in cui è in funzione, non c'è quasi nessuna partecipazione, perché ogni deputato sa che la legislazione elaborata da qualche segretario congiunto del governo indiano sarebbe meccanicamente approvata o contraria, a seconda della frusta emessa. Quasi nessun disegno di legge viene deferito alle commissioni parlamentari permanenti. Anche le commissioni parlamentari permanenti vengono calpestate dai loro stessi azionisti. Non c'è quindi alcuna motivazione per i parlamentari a fare leggi migliori per il paese.

Tuttavia, questo non è l'unico problema. Il comportamento dei parlamentari all'interno della Camera ha creato una crisi di credibilità per l'istituzione. Quello che è stato concepito come un campo di battaglia di idee è stato ridotto a una gara di maledizioni da parte del governo e di potere polmonare in competizione da parte dell'opposizione ormai da oltre tre decenni.

I legislatori recalcitranti che non hanno interesse a bruciare le bollette della lettura del petrolio di mezzanotte hanno un incentivo a sconvolgere la Camera. Mezz'ora di urla è una via d'uscita comoda, se non facile. Una volta che la Camera è aggiornata, vanno in giro a distribuire petizioni ai ministri fino a quando non si deve ottenere il prossimo aggiornamento. Probabilmente finiscono la giornata mangiando da qualche uomo d'affari in cerca di accesso al governo centrale o statale. Questa è stata la norma e non l'eccezione negli ultimi 30 anni, sia al Centro che negli Stati Uniti. I legislatori statali sono peggio. Si incontrano a malapena per meno di un mese in un anno.

Di conseguenza, ciò che fa un deputato o un MLA nella legislatura non ha alcuna incidenza sulle loro prospettive di rielezione. Gli elettori inoltre non vogliono esaminare i meriti di alcuna legge perché sanno di non avere alcun ruolo nella loro formulazione. Percepiscono un parlamentare o un MLA come un intermediario tra loro e l'esecutivo per accedere ai beni pubblici per il collegio elettorale. Altri sono solo interessati a raccomandazioni per trasferimenti e distacchi e altri ancora nell'utilizzare l'influenza dei loro parlamentari per far oscillare i contratti per le opere di sviluppo locale verso i loro finanziatori favoriti. L'esibizione parlamentare è un non-sequitur.

La domanda da porsi seriamente è: l'India ha bisogno di un simile Parlamento, o addirittura di assemblee legislative? Ogni anno vengono spesi migliaia di crore per i cicli elettorali: verso quale fine? L'India può benissimo funzionare con un esecutivo eletto direttamente e una magistratura per esercitare la supervisione. Il legislatore ha completamente omesso di ritenere il governo responsabile, l'ultimo esempio è che il Parlamento è stato interrotto nelle ultime tre settimane. Il governo è ostinato a non discutere la questione Pegaso e l'opposizione combinata è inesorabile. Non c'è un terreno comune. Eppure una legislazione vitale che ha un impatto sul futuro dell'India viene approvata con disinvoltura senza alcuna deliberazione.

Come punto di partenza per rivitalizzare le istituzioni legislative, dobbiamo allentare le disposizioni draconiane del decimo programma. Ho presentato un disegno di legge di un membro privato nel 2010 e di nuovo nel 2019 nel Lok Sabha, prevedendo che solo la violazione della frusta del partito su mozioni di fiducia, mozioni di sfiducia, mozioni di aggiornamento, cambiali o questioni finanziarie dovrebbe comportare la squalifica di un parlamentare o di MLA . Il resto dello spazio legislativo va liberato. Le perturbazioni endemiche devono essere vietate attraverso una procedura trasparente basata su regole. Le legislazioni non funzionali non servono al paese.

Questa colonna è apparsa per la prima volta nell'edizione cartacea il 7 agosto 2021 con il titolo 'Il Parlamento che meritiamo'. Lo scrittore è un avvocato, parlamentare ed ex ministro dell'I&B.