I vlogger dalit stanno cercando di mettere l'India nella sua forma più cruda in tribuna

Per secoli sono state create false narrazioni sui Dalit. Le donne dalit vengono ancora linciate dopo essere state accusate di essere streghe. I Manuwadis mettono in evidenza queste cose, ritraendo una falsa immagine dell'India. I media sono coerenti nei loro sforzi per abbattere il profilo di Ambedkar e dei Dalit.

Internet è stato costoso e i vlogger della casta Savarna hanno un vantaggio sui Dalit in questo campo

Scritto da Anjul Bamhrolia

Potresti non conoscermi. Ma io sono uno dei pochi indiani che l'ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama e la cantante Britney Spears seguono sui social media. Sono un vlogger di Gwalior che documenta la storia e la cultura di Bahujan. Il mio canale YouTube ha oltre 20 milioni di visualizzazioni. Tuttavia, la mia storia non è iniziata con le cose che sono andate a posto. È stato un caso.

Nel 2014 avevo ricevuto la fatidica notizia che avevo perso mia madre. Mi sono precipitato a Gwalior da Bhopal e da allora non ho più lasciato il posto. Gwalior è famoso quando si tratta di discriminazione di casta. Nonostante provenissero da una famiglia istruita di seconda generazione, conoscevamo il peso della casta. Ed è per questo che i miei genitori hanno preferito che vivessi in una città lontana.



La notorietà di casta non ha aspettato oltre per sorprendermi.

A un parente che lavora per il governo è stato negato un appartamento dopo aver rivelato il suo cognome. Mio padre ha tentato senza successo di acquistare un appartamento in un edificio di nuova costruzione. Il costruttore si è rifiutato di venderlo a un Dalit.

Le pagine si riempiranno se comincio a raccontare tali incidenti. Vengo da una famiglia ambedkarite. Mio nonno Shanti Sathya era un monaco buddista, che ha costruito un monastero nella regione di Chambal nel 1977. Sono cresciuto osservandolo, ma è stato solo quando mi sono stabilito a Gwalior che la bruttezza della casta ha iniziato a rivelarsi.

Nel 2009, ho iniziato a seguire curiosamente la campagna presidenziale di Obama. Ho notato il suo uso gentile dei social media. Nella mia testa è nato il pensiero che avrei dovuto usare il mio privilegio per articolare i problemi della comunità sui social media. È iniziato con la creazione di animazioni di cartoni animati su Babasaheb Ambedkar. Le persone hanno iniziato a gravitare verso il contenuto. Ho incontrato un giovane di Bhim Nagar, Sunny Jatav, che è diventato un punto di svolta nella mia vita.

Perché vlogging?

La protesta del 2 aprile 2018 contro la diluizione del SC/ST (Prevention of Atrocities Act) ha visto la morte di 13 persone. Di loro due appartenevano a una zona vicina. I media pubblicavano storie contrarie a quello che vedevo sul campo. Ha dichiarato antinazionali i raduni dei Dalit. non ne potevo più.

Per contrastare le false narrazioni, ho cercato di far emergere le questioni discusse nelle famiglie Dalit alla conoscenza del pubblico. Le congregazioni dalit fornivano istruzione gratuita ai bambini delle baraccopoli. Era un mondo che veniva trascurato. Ho deciso di avviare uno dei primi canali di vlogging popolari dell'India sulle storie di Bahujan. Questo era il modo giusto per sradicare i semi dell'odio dal cuore della società e raggiungere anche chi vive sotto una roccia. Jatav e io abbiamo iniziato a viaggiare in luoghi trascurati dai media.

Savarna e vlogger Dalit

I dalit mancano di risorse. Internet è stato costoso e i vlogger della casta di Savarna hanno un vantaggio sui Dalit in questo campo. Il vlogging fa più o meno parte della cultura occidentale. I vlogger mostrano il loro stile di vita nei loro vlog. Le loro controparti indiane li imitano fotogramma per fotogramma.

Le persone ora sono esauste di guardare programmi e serie con sceneggiature. Sono attratti dai vlogger poiché il contenuto è basato sulla vita reale. I vlogger di Savarna, come i loro fratelli dei media, eccellono nella copia di contenuti dai vlogger occidentali. Quello che noi vlogger dalit stiamo cercando di fare è mettere l'India nella sua forma più cruda in tribuna.

Il futuro del vlogging dalit

Per secoli sono state create false narrazioni sui Dalit. Le donne dalit vengono ancora linciate dopo essere state accusate di essere streghe. I Manuwadis mettono in evidenza queste cose, ritraendo una falsa immagine dell'India. I media sono coerenti nei loro sforzi per abbattere il profilo di Ambedkar e dei Dalit.

Persone di diverse fasce d'età in tutto il mondo sono abbonate ai miei vlog. Ora, la nostra battaglia è contro i media di parte Savarna. In effetti, rimango sospettoso su cosa accadrebbe al piccolo mondo dei vlogging dalit. Non si può escludere che il governo approvi leggi per controllare i social media. Dobbiamo fare la nostra parte per unirci al movimento per una causa più grande.

Anjul Bamhrolia è un vlogger del canale YouTube Tathagat.Live. Suraj Yengde, autore di Caste Matters, cura la rubrica quindicinale “Dalitality”