Un'agricoltura pluviale resiliente al clima

Le innovazioni tecnologiche e istituzionali potrebbero aiutare gli agricoltori ad affrontare meglio i monsoni irregolari ea garantire i propri mezzi di sussistenza.

agricoltura, monsoneL'ultimo anno è stato caratterizzato da piogge in eccesso a giugno, piogge in deficit a luglio e piogge in eccesso ad agosto e settembre, come riportato dal Ministero delle Scienze della Terra. (Foto/File rappresentativo)

Scritto da Kritika A Gadpayle e Indu K Murthy

L'India è stata testimone di monsoni variabili negli ultimi anni. L'ultimo anno è stato caratterizzato da piogge in eccesso a giugno, piogge in deficit a luglio e piogge in eccesso ad agosto e settembre, come riportato dal Ministero delle Scienze della Terra. Questa incoerenza nel modello delle precipitazioni monsoniche è un'indicazione che gli eventi meteorologici estremi potrebbero diventare la norma, piuttosto che l'eccezione, nei prossimi anni. Il Global Climate Risk Index 2020, pubblicato di recente, colloca l'India al settimo posto nella lista dei paesi più colpiti da eventi estremi. Ciò non è di buon auspicio per la comunità agricola, in particolare i piccoli agricoltori emarginati, e la resa agricola in generale.

Tenendo presente l'aumento della frequenza degli eventi meteorologici estremi, Google ha annunciato l'espansione della sua previsione delle inondazioni basata sull'intelligenza artificiale (AI) a tutta l'India. Lo strumento fornisce dettagli sui tempi e gli avvisi di profondità dell'acqua in hindi e bengalese, tra le altre lingue locali. Nel frattempo, il governo indiano ha lanciato un Sistema di previsione a portata estesa per la gestione del rischio climatico in agricoltura, che è progettato per migliorare le previsioni dei monsoni. Offre anche informazioni climatiche su misura per l'agricoltura e altri mezzi di sussistenza rurali in nove stati dell'India colpiti dai monsoni, tra cui Himachal Pradesh, Uttarakhand, Rajasthan, Orissa e Tamil Nadu. Tuttavia, queste iniziative non saranno adeguate, come dimostra l'aumento delle perdite agricole. Più di 14,4 milioni di ettari di superficie coltivata lorda dell'India sono andati persi nel ciclo agricolo conclusosi a febbraio 2020. Questo è quasi sette volte quello del ciclo precedente.



Per affrontare questa grave preoccupazione per le perdite di rendimento dovute ai cambiamenti climatici, il governo ha annunciato il suo piano per rivalutare la semina delle colture in tutto il paese per allineare le pratiche agricole con il cambiamento climatico. Ciò richiede una valutazione completa dei rischi climatici per le diverse colture a livello di distretto o blocco, poiché esiste una variabilità nei parametri climatici - intensità delle precipitazioni, temperatura, frequenza e intensità di eventi estremi, ecc., Anche all'interno di uno stato. Tale variabilità e cambiamento nella forma, grandezza e intensità degli eventi estremi è evidente nella valutazione storica del clima a livello distrettuale condotta per il Karnataka dal Centro statale per la gestione delle catastrofi naturali .

Uno studio di modellizzazione del think tank basato sulla ricerca, il Center for Study of Science, Technology and Policy (CSTEP), in tutti i distretti dello stato, prevede un aumento della temperatura massima estiva (0,5 ° C-1, 5 ° C), kharif precipitazioni stagionali (7-28%) ed eventi di precipitazioni intense nel periodo 2021-2030 in Karnataka. Sebbene si preveda un aumento delle precipitazioni stagionali e degli eventi di precipitazioni abbondanti in tutti i distretti dello stato, non è escluso il verificarsi di periodi di siccità, in particolare nei distretti settentrionali aridi. Inoltre, si prevede che in futuro alcuni dei distretti settentrionali registreranno precipitazioni molto intense di >100 mm/giorno. Ciò ha enormi implicazioni per l'agricoltura pluviale dello stato, che costituisce circa il 70 per cento della superficie netta seminata.

Lo studio mostra anche che non esiste un unico rischio climatico dominante per tutti i distretti dello stato o per le colture. Ad esempio, l'elevata temperatura prevista durante il periodo di crescita dell'arachide (un raccolto alimentato dalla pioggia) e le forti piogge durante le settimane che coincidono con la fase riproduttiva a Kolar, Koppal e Yadgir potrebbero ridurre la resa del 10-40%. Allo stesso modo, una piovosità inferiore a quella ottimale durante la fase vegetativa e di fioritura del mais, una coltura alimentata dalla pioggia dominante, potrebbe ridurre la resa del 25-50 per cento a Davanagere, Chikkaballapur e Chamarajanagar. Inoltre, il previsto aumento della temperatura nell'intervallo da 0,1°C a 0,5 in questi distretti potrebbe influenzare la formazione del grano e la resa.

Tali pericoli sottolineano l'importanza di valutare i rischi climatici a livello distrettuale. Evidenzia inoltre la necessità di costruire la resilienza dei sistemi agricoli alimentati dalla pioggia attraverso interventi tecnici e istituzionali consolidati, nonché strategie innovative.

Il governo del Karnataka potrebbe prendere in considerazione l'implementazione di un'assicurazione del raccolto senza un processo di reclamo (pilotato in Kenia ) che, a differenza dell'assicurazione del raccolto tradizionale, liquida i sinistri sulla base delle deviazioni delle condizioni meteorologiche, che vengono quindi confrontate con i dati meteorologici passati indicizzati e messe in relazione con le perdite di produzione. Finanziamento previsionale per la protezione sociale (in fase di sperimentazione in Africa ), un meccanismo finanziario che anticipa i pericoli utilizzando una serie di trigger (o livelli di pericolo) e azioni predefinite prestabiliti, è un'altra opzione che può essere esaminata. Entrambi richiedono un budget dedicato.
La promozione del partenariato pubblico-privato nell'agroforestazione è un'altra opzione che potrebbe fornire un mercato sicuro per i prodotti agroforestali, fornendo così reddito e mezzi di sussistenza in caso di perdita annuale del raccolto.

L'attuazione di strategie a lungo termine che costruiscono la resilienza dei sistemi di agricoltura pluviale in Karnataka contribuirà a stabilizzare la produttività delle colture pluviali nello stato, anche di fronte a condizioni climatiche avverse. Tali misure garantiranno che in futuro le rese agricole non siano lasciate ai capricci del clima e le perdite di reddito per gli agricoltori siano ridotte al minimo.

(Gli autori lavorano nell'area dell'adattamento e dell'analisi dei rischi presso il Center for Study of Science, Technology and Policy (CSTEP), un think tank basato sulla ricerca a Bengaluru)