La Cina, a differenza dell'India, ha adattato le idee occidentali alle proprie esigenze

Gli indiani, nonostante tutto il furore sull'indipendenza dall'Occidente, sembrano aver assorbito pienamente quelle norme e idee, non nella sostanza ma certamente nella forma.

L'obiettivo di quasi tutti gli studi sul sistema politico indiano è stato quello di evidenziare i fallimenti della democrazia in India.

Pensare con la propria testa piuttosto che cercare di essere all'altezza delle aspettative dell'Occidente sembra essere la chiave dell'enorme crescita che la Cina rappresenta oggi. L'India potrebbe imparare una lezione o due mentre lotta per eguagliare. Cina e India, due delle civiltà più antiche, sono anche due degli stati-nazione più giovani. Entrambi sono nati nei loro avatar moderni alla fine degli anni '40. Ed entrambi hanno guardato ai paradigmi dell'Occidente per tracciare il loro corso per il futuro. Per la Cina, la via da seguire era quella di imitare l'URSS e il suo autoritarismo. L'India guardava a idee radicate nel liberalismo e nell'individualismo occidentali.

Da quei giorni, molto è cambiato. La Cina ha persistito con l'autoritarismo anche dopo aver respinto l'Unione Sovietica come esempio. L'India si è attenuta a un corso democratico, smentendo tutti gli esperti occidentali che prevedevano che la democrazia indiana sarebbe crollata subito dopo l'indipendenza. La democrazia indiana è riuscita anche a trovare radici tra la gente comune, nonostante i critici che insistevano sul fatto che la democrazia nell'India lacerata dalle caste e dalle disuguaglianze fosse difficilmente democratica. Tuttavia, in India sono stati fatti pochi sforzi per esaminare il motivo per cui la democrazia indiana ha avuto successo. Semmai, il focus di quasi tutti gli studi sul sistema politico indiano è stato quello di evidenziare i fallimenti della democrazia in India.

Il più grande fallimento della democrazia in India, come hanno sottolineato molti commentatori, è che non è in grado di soddisfare le aspettative occidentali di una buona democrazia. La Cina, ovviamente, non ha questo problema poiché afferma semplicemente di esistere solo per il suo popolo incarnato nel suo nome: la Repubblica popolare cinese.



Qui sta la differenza fondamentale tra India e Cina. La Cina, pur utilizzando concetti occidentali, li ha tradotti nell'idioma locale, tenendo presenti le esigenze e le aspirazioni locali. L'India ha semplicemente cercato di essere all'altezza dei paradigmi fissati dall'Occidente e si è trovata carente.

Un tipico esempio è il modo in cui la Cina ha modificato i sistemi con cui misurava la propria ricchezza. Negli anni '80, la Cina era pronta ad abbandonare il modello economico sovietico poiché si rendeva conto che un'economia centralizzata controllata dallo stato non può né crescere in modo equo né incoraggiare gli individui ad attuare la crescita economica. Tanto che si è allontanato dal Material Product System (MPS) per calcolare la produzione economica, che è ciò che ha fatto il blocco dei paesi sovietici. Il MPS non ha tenuto conto dei servizi e ha utilizzato i prezzi determinati dallo stato anziché i prezzi di mercato per calcolare il valore delle merci.

La Cina è passata all'utilizzo dei valori di mercato per tutti i beni, tangibili e non tangibili, ha adottato il Prodotto Interno Lordo come misura del proprio successo economico e ha rapidamente dimostrato di poter migliorare la propria posizione nel mondo come nessun altro. Ciò ha fornito, tra l'altro, un enorme impulso psicologico ai cinesi. Ancora più importante, ha contribuito a riaccendere la fiamma del nazionalismo tra i giovani in Cina. Nel frattempo, le classi intellettuali dell'India, coinvolte in un'economia che non cresceva abbastanza, passavano il loro tempo cercando di convincere se stesse e tutti che non esisteva niente chiamato nazione indiana, che l'India era una creazione degli inglesi e, un povero imitatore della democrazia liberale.

La gente oggi dice che l'economia cinese è più grande di quella indiana. È istruttivo guardare i dettagli per capire quanto più grande e quando. Nel 1993, quando la Cina adottò il PIL come criterio per valutare la ricchezza della nazione, il suo PIL era di 0,444 trilioni di dollari, una volta e mezzo quello dell'India. Nel 2005, il PIL cinese aveva superato i 2 trilioni di dollari; L'India era poco più di $ 0,8 trilioni. Quando il PIL dell'India ha superato $ 1 trilione nel 2008, la Cina stava già toccando la cifra di $ 5 trilioni. Il suo PIL rimane quasi cinque volte superiore a quello indiano.

La Cina ha utilizzato i set di idee prevalenti nel mondo occidentale e li ha modellati in base alla sua esperienza vissuta. Quando hanno iniziato il loro percorso verso la superstar economica, hanno messo in atto sistemi per creare un'economia della conoscenza. Senza chiedersi se avessero o meno i fondi per farlo, hanno dedicato ingenti somme alla ricerca e hanno creato i propri sistemi di revisione tra pari.

L'India è rimasta contenta di servire come ancella dell'Occidente nei suoi programmi intellettuali, o meglio, in mancanza di questi. Questo è proprio come Sir William Jones aveva descritto l'India più di 200 anni fa, quando la Compagnia delle Indie Orientali stava stabilendo il proprio dominio sull'India. Gli indiani, nonostante tutto il furore sull'indipendenza dall'Occidente, sembrano aver assorbito pienamente quelle norme e idee, non nella sostanza ma certamente nella forma.

Questo articolo è apparso per la prima volta nell'edizione cartacea il 25 febbraio 2021 con il titolo 'Mutuatari e custodi'. Lo scrittore è professore di storia, Panjab University