La vendita di Air India apre un futuro più luminoso per l'aviazione

Rajiv Pratap Rudy scrive: Il governo può ora scrollarsi di dosso le accuse di protezionismo, promuovere una concorrenza leale, liberare il mercato dell'aviazione civile dalle distorsioni e aumentare le opportunità di viaggio.

Una donna passa davanti all'edificio dell'Air India a Mumbai, in India, venerdì 8 ottobre 2021. (AP Photo/Rajanish kakade)

L'8 ottobre 2021, abbiamo raggiunto un punto di riferimento monumentale, il culmine del processo iniziato nel 2001 durante il governo guidato da Atal Bihari Vajpayee. Il governo indiano ha disinvestito con successo il 100% della sua partecipazione in Air India, il 100% nella compagnia aerea low cost Air India Express Ltd e il 50% in Air India SATS Airport Services Private Ltd. La determinazione e la convinzione del Il governo in generale, e il Primo Ministro in particolare, per rivitalizzare gli alimentatori in perdita dell'India modificando il loro modello di governance si riflette in questo.

La compagnia aerea perdeva Rs 20 crore ogni giorno con il suo debito che era salito a Rs 65.562 crore entro agosto 2021. Ha perso più di Rs 5.000 crore ogni anno dal 2016. Le sue perdite accumulate di Rs 70.875,98 crore hanno portato alla completa erosione del patrimonio netto della società. Ora, il suo patrimonio netto è un crore di Rs 44.000 negativo. Air India ha anche 12.085 dipendenti, di cui 8.084 dipendenti a tempo indeterminato, mentre Air India Express ha 1.434 dipendenti. Ha quote di dipendenti in sospeso di Rs 1.332 crore secondo il rapporto Justice Dharmadhikari con spese per i benefici dei dipendenti superiori a Rs 3.000 crore ogni anno. Air India ha anche una forza della flotta di 213 a partire da agosto 2021 e sostiene costi enormi per mantenere questa flotta.

Opinione| Scrive Coomi Kapoor: Air India è tornata con i Tata. Ma cosa succederà?

Il Covid-19 ha avuto un impatto drammatico sul settore dell'aviazione. Un rapporto dell'Organizzazione internazionale dell'aviazione civile rileva che a causa della pandemia, le perdite finanziarie delle compagnie aeree di tutto il mondo sono state di circa $ 370 miliardi, con aeroporti e fornitori di servizi di navigazione aerea che hanno perso rispettivamente ulteriori $ 115 miliardi e $ 13 miliardi. Con Air India che deve operare voli charter/Vande Bharat Mission, è stato necessario sostenere costi fissi anche se il suo flusso di entrate è stato influenzato dall'interruzione dei voli durante il blocco. La perdita netta sostenuta da Air India è stata di circa.



Rs 9.779 crore secondo le cifre provvisorie per l'anno 2020-21, un aumento del 22,5% rispetto all'anno precedente. Chiaramente, nonostante i migliori sforzi dei governi nel corso degli anni, le condizioni finanziarie della compagnia aerea hanno continuato a peggiorare in assenza di una struttura operativa competitiva.

La vendita della compagnia aerea fa anche luce sulla visione del governo quando si tratta di mantenere la concorrenza nel mercato dell'aviazione. Stiamo già assistendo a un aumento dei prezzi dei biglietti aerei e, a tal punto, sarebbe imprudente consentire a qualsiasi tipo di tendenza monopolistica di instaurarsi nel mercato. Con una compagnia aerea che detiene già oltre il 50 per cento della quota di mercato, la chiusura di Air India avrebbe lasciato uno spazio, con un'alta probabilità che la compagnia aerea già leader si appropriasse di una quota importante del mercato, portando a una concorrenza sleale.

Nel 2017-18, Jet Airways ha avuto la seconda quota di mercato più alta (14,6%), dopo Indigo (40,9%). Dopo la chiusura di Jet, Indigo ha ottenuto una quota di mercato del 47,8% nel 2019-20, che è salita al 58,6% a giugno 2021. L'uscita di un'altra compagnia aerea avrebbe ulteriormente concentrato il potere sul mercato. Inoltre, una compagnia aerea carica di debiti non fa che aumentare l'onere per il settore, mentre allunga le finanze del governo. Pertanto, la vendita di Air India, che ora deve essere gestita da un'organizzazione più attenta alla concorrenza, in un mercato dell'aviazione libero, è una mossa positiva.

Tata Sons ha un compito gigantesco davanti a sé con perdite accumulate, flotte non operative e postumi di Covid-19. La Tatas impiegherà almeno due anni per stabilizzare le sue operazioni. Possiamo sperare che la compagnia aerea operi in modo efficiente dopo questo. C'è anche la possibilità che questa vendita abbia un impatto negativo su tutte le iniziative aeronautiche di Tatas a breve termine. Tuttavia, le sinergie tra le altre imprese aeronautiche del gruppo, Vistara e AirAsia, potrebbero svolgere un ruolo importante nel lungo periodo. I Tata hanno una comprovata storia di imprese sull'orlo del collasso, come Jaguar Land Rover. Dobbiamo riporre la nostra fiducia nella gestione professionale di cui l'azienda è orgogliosa.

C'è stata molta apprensione e ansia tra i dipendenti di Air India. Lasciare la compagnia aerea senza un valido piano di continuità in atto avrebbe paralizzato finanziariamente le loro famiglie. Tuttavia, il fatto che nessun dipendente possa essere licenziato per un anno e che a qualsiasi dipendente che verrà rilasciato nel secondo anno verrà offerto un programma di pensionamento volontario, insieme alla promessa del governo di pagare tutte le quote scadute, porta un senso di sollievo . Con l'economia che ha appena iniziato a mostrare segni reali di crescita dopo il Covid-19, la sicurezza del lavoro per gli individui è una considerazione importante che non può essere ignorata. È la lungimiranza del governo che ha risolto questa domanda tanto attesa.

Il governo può ora rinunciare alla sua etichetta di protettore arbitrario di un'impresa sanguinante, gravando ulteriormente sui contribuenti che hanno investito Rs 1,10,276 crore nella compagnia aerea dal 2009-10. D'ora in poi, a parte le garanzie garantite dal governo e il resto del debito nella società veicolo, Air India non rappresenterà un ulteriore onere per le finanze del governo.

Il governo può ora scrollarsi di dosso le accuse di protezionismo che ha portato negli ultimi sette decenni, promuovere una concorrenza leale, liberare il mercato dell'aviazione civile dalle distorsioni e migliorare le opportunità di viaggio. Questo è un importante passo avanti verso il rilancio del settore turistico zoppo.

Questa è un'opportunità per l'India di espandere la sua impronta aeronautica. Dopo questa vendita, possiamo immaginare un futuro migliore non solo per il mercato dell'aviazione civile, i dipendenti di Air India e il governo, ma anche per l'uomo comune.

Questa colonna è apparsa per la prima volta nell'edizione cartacea il 16 ottobre 2021 con il titolo 'Liberi di volare in alto'. Lo scrivente, deputato al Parlamento, è stato ex ministro dell'aviazione civile.