Il presunto amante della prigione di Aaron Hernandez sta parlando

Prima del rilascio di Netflix Killer Inside: The Mind of Aaron Hernandez , un detenuto di nome Kyle Kennedy ha attirato l'attenzione. Ha detto che era l'amante dell'ex giocatore della NFL. Ora Kennedy parlerà durante un documentario REELZ, Aaron Hernandez: Jailhouse Lover Tells All, che va in onda il 5 luglio.

'Aaron si è ucciso, sai che era il mio braccio destro. Facevamo tutto insieme ', afferma Kennedy durante l'imminente speciale, per PERSONE . Kennedy ha anche detto che lui e Hernandez erano soliti 'rinchiudersi per cucinare cibo o fumare, alzarsi, ascoltare musica, rilassarsi quando non volevamo stare con altre persone'. Afferma che vendevano droghe ogni giorno e usavano droghe ogni giorno. Presumibilmente Kennedy aveva diviso una cella con Hernandez al Centro Correzionale Souza-Baranowski di Lancaster, nel Massachusetts.

Kennedy in precedenza aveva attirato l'attenzione per la sua conoscenza del tempo trascorso in prigione da Hernandez. L'ex fine stretto dei New England Patriots stava scontando l'ergastolo per l'omicidio del calciatore semi-professionista Odin Lloyd. Hernandez è stato anche assolto per un doppio omicidio cinque giorni prima della sua morte per suicidio. Kennedy ha parlato del suo presunto compagno di cella in un paio di documentari, oltre a un libro, e ha detto che Hernandez secondo quanto riferito vantato sull'uccisione di una quarta persona.



'[Aaron] mi diceva sempre che aveva avuto quattro omicidi. Avrebbe sempre e sempre scherzato dicendo 'Ho quattro corpi', ha detto Kennedy durante le interviste. Tuttavia, non conosceva l'identità della quarta vittima. Kennedy disse che Hernandez non gli avrebbe mai dato un nome durante le loro conversazioni.

Oltre a discutere di questo quarto organo segnalato, Kennedy ha anche fornito alcune informazioni su presunte conversazioni che hanno avuto luogo nella loro cella. Disse che Hernandez era 'infatuato' della vita di strada e che era un argomento di scelta. Secondo quanto riferito, entrambi hanno cercato la vita di strada e ne hanno discusso a lungo durante il loro periodo in prigione.